Le Origini del Cacao – Parte 1

Il Cacao (Theobroma Cacao) è una pianta originaria del sud America, in seguito si diffuse anche nella parte centrale del continente trasportata agli uccelli ghiotti dei suoi semi.

Furono quindi le civiltà precolombiane le prime ad apprezzarne le qualità ed a cominciarne la coltivazione.

Il cacao aveva un ruolo economico, medico, alimentare e religioso.

I semi usati come moneta negli scambi commerciali; la parte grassa, il burro di cacao, veniva utilizzato come curativo dei polmoni, del fegato, per proteggere dalle scottature e come cicatrizzante; la polpa delle cabosse, la mucillagine biancastra, presero a consumarla forse prendendo spunto dai ratti che ne erano ingordi;  ed infine, con le fave si otteneva una bevanda.

Veniva apprezzata per le sue virtù rinvigorenti e afrodisiache, tanto che, durante il regno dell’Imperatore Azteco Montezuma, la cioccolata era diventata la bevanda maggiormente consumata dalle élite anche durante le cerimonie religiose in onore degli dei.
Xocoatl, così veniva chiamata tale bevanda dagli Aztechi, per la cui produzione venivano essiccate poi tostate le fave ed infine mescolate con acqua, mais e spezie.

By | 2017-11-20T12:16:02+00:00 Mar 3rd, 2017|Cenni Storici, Video Tutorial|0 Comments

L'Autore del Post:

Chef di Cucina e Sommelier per diletto. Frequento la cucina da quando ero adolescente, ho iniziato come Commis nell’albergo di mia zia Adele in Germania, dopo la maturità all’alberghiero e la laurea in economia ho fatto esperienze in Italia e all'estero, negli ultimi anni mi sono dedicato alla consulenza e alla formazione. Il cioccolato non manca mai nei miei menu.